fbpx

Smart working

Smart working

La rivoluzione del lavoro intelligente

pp.688, 1° ed.
978-88-297-0569-6
All’inizio del 2020 pare che solo 570 mila italiani lavorassero in smart working. Ai primi di marzo, con l’isolamento imposto dal Covid-19, sono improvvisamente diventati 8 milioni. Che cosa è successo nel frattempo, e che cosa avverrà in futuro? Quali sono i motivi che finora hanno impedito il diffondersi di una modalità di lavoro più produttiva, ecologica, meno costosa e stressante? E come cambierà, sul lungo periodo, la nostra routine quotidiana finora scandita dall’alternanza tra ufficio e tempo libero? Per rispondere a queste domande urgenti e radicali Domenico De Masi, il maggiore studioso e teorico italiano dello smart working, ha messo a frutto quarant’anni di esperienze e ricerche nel settore e, durante i mesi del lockdown, ha coordinato un’indagine a tutto campo, giungendo alla conclusione che quello in atto sia solo l’inizio di un processo che vedrà rivoluzionato non solo il tempo e il luogo del lavoro, ma il suo significato, il suo contenuto e il suo ruolo. Con il contributo di imprenditori, manager, accademici e ricercatori, ripercorrendo il cammino che ha portato dalla bottega rinascimentale alla rivoluzione digitale, De Masi restituisce un’immagine aggiornata della realtà quotidiana di milioni di lavoratori, e offre gli strumenti per capire quanto dovrà fare l’Italia per adeguarsi ai tempi che evolvono.

Con i contributi di Pietro Abate, Marco Bentivogli, Federico Butera, Francesco Caio, Luca De Biase, Giordano Fatali, Donata Francescato, Umberto Romagnoli, Elisabetta Romano, Chiara Saraceno, Luisa Todini

Il 2 dicembre dalle ore 9.00 alle ore 18.00 si terrà il seminario online su Smart Working. La rivoluzione intelligente di Domenico De Masi, pubblicato da Marsilio.
 
PER ISCRIVERSI: https://bit.ly/32JILuf.
 
➡️ Leggi il programma: https://bit.ly/32YbSK2.
 
Il seminario, della durata di un giorno, è suddiviso in tre parti rispettivamente dedicate al rapporto dello smart working con il lavoratore, con l’azienda e il sindacato, con la società. In una quarta parte conclusiva si cercherà di delineare i futuri percorsi possibili.
 
I PROTAGONISTI
Chairperson: Manuela Rafaiani.
Esperti: Pietro Abate, Marco Bentivogli, Francesco Caio, Luca De Biase, Giordano Fatali, Donata Francescato, Umberto Romagnoli, Elisabetta Romano, Chiara Saraceno, Luisa Todini.
Discussant: Pierpaolo Bombardieri, Carlo Borgomeo, Mario Breglia, Saverio Caldani, Susanna Camusso, Claudia Cattani, Giuseppe Conte, Mario Cucinella, Andrea Laudadio, Antonio Marchese, Ermete Realacci, Bruno Scuotto.
Interventi di Federico Butera, Antonello Calvaruso e Domenico De Masi.
Conclusione dei lavori: Fabiana Dadone (Ministra della Pubblica Amministrazione)
 
Il seminario è destinato a manager, funzionari e dirigenti pubblici e privati che desiderano approfondire, con l’aiuto dei massimi esperti, le questioni organizzative suscitate dallo smart working
 

Autore

 docente emerito di Sociologia del lavoro all’Università La Sapienza di Roma e già preside della Facoltà di Scienze della Comunicazione presso lo stesso ateneo. Svolge attività di consulenza per organizzazioni pubbliche e private. È autore di numerosi saggi riguardanti la società postindustriale e la sociologia del lavoro. Con Marsilio ha pubblicato Lavoro 2025. Il futuro dell’occupazione (e della disoccupazione) (2017) e L’età dell’erranza. Il turismo del prossimo decennio (2018).