fbpx

Le potenze dell'anima

Le potenze dell'anima

Vie alla riforma interiore dal disincanto al risveglio
a cura di

pp. 240, 1° ed.
978-88-297-0352-4
Che cosa sono le potenze dell’anima? A questa domanda che suonò alquanto peregrina nell’atmosfera tumultuosa degli anni intorno al 1968 Elémire Zolla, allora quarantaduenne e al suo quarto libro del ciclo di critica sociale, si cimentò a rispondere per un’esigenza anzitutto personale: esplorare le falde del mondo interiore, lo si chiami anima, psiche, coscienza, sé, intelletto o spirito, e lì dentro, nel groviglio di un sentire comunemente tormentato e diviso, cogliere la radice dell’infelicità, del disincanto, dell’indifferenza dell’uomo contemporaneo, anche però una via all’emancipazione, al risveglio di energie salutari indagate nelle tradizioni del pensiero profondo in Oriente e Occidente. In Potenze dell’anima Zolla scruta la “prigione” di un’esistenza del tutto esteriorizzata e appiattita, con enorme anticipo sulle avvenute dipendenze dalle tecnologie digitali; ricostruisce le antiche e dimenticate terapie della malattia psichica, dal dionisismo all'incubazione onirica, all'eros sublimato nella poesia stilnovistica. Scandaglia la topografia dell’interiorità nella raggiera di metafore che a essa alludono, giacché «quando si vuole nominare una realtà invisibile bisogna obbedire alle leggi dell'analogia»: il vento, l’ombra, il custode, il soffio, il nagual. Nella Parte seconda Zolla ricostruisce la tassonomia delle facoltà dell’uomo interiore nei repertori delle antiche civiltà, dall’Egitto a Israele, al Tibet, all’India, alla Cina taoista, ai mondi greco, romano e cristiano. 
Un libro antesignano, come i tanti di Zolla sul contrasto insanabile tra i "poteri" dominanti secondo la logica mondana e le "potenze" interiori ribelli alla sottomissione. 

Autore

(1926-2002), grande intellettuale tra i più controversi e meno compresi del secondo Novecento, fondatore della rivista erudita «Conoscenza religiosa» (1969-1983), accademico e autore di fama internazionale, ha scandagliato i modelli mentali vincenti e perdenti che hanno improntato le visioni del mondo in Occidente, Oriente e nei mondi indigeni. La raccolta completa delle opere zolliane analizzate da Grazia Marchianò, autrice della biografia intellettuale dello scrittore, Il conoscitore di segreti (2012), tratteggia un vasto affresco della condizione umana scrutata egualmente nel limite e nell’illimitato.