fbpx

Luci in lontananza

Storie di migranti ai confini d'Eropa
prefazione di
1° ed.
978-88-297-0024-0

La geografia dei flussi migratori che stanno ridisegnando il Vecchio continente raccontata attraverso le storie di chi sfida la sorte nella speranza di una vita migliore, per portare in superficie ciò che etichette come «richiedenti asilo» e «migranti economici» non sono in grado di restituire. Alla ricerca di risposte su una questione così complessa, emergono soprattutto domande: «Vogliono raggiungere l’Europa perché ci vive uno zio. E voi, non lo fareste? Ne hanno bisogno per guadagnarsi da vivere. Perché nel loro paese non possono farlo? Perché in Europa invece potrebbero riuscirci? Che rapporto c’è tra il posto da cui provengono e quello in cui sono diretti? Perché dovrebbero tollerare queste condizioni? A chi conviene regolare i loro spostamenti? E quante probabilità ci sono che gli Stati che trattano i migranti con tanta insensibilità si comportino allo stesso modo anche nei confronti dei loro cittadini?». Mettendo al centro le singole testimonianze dei migranti e seguendone gli spostamenti attraverso città, Stati e continenti, Daniel Trilling traccia una cartografia della migrazione e dell’Europa chiusa da confini nazionali, dove il mito dell’Unione europea garante di pace tra le nazioni e prosperità si sta sfaldando di fronte all’incapacità di tutelare quei principi di tolleranza e rispetto per i diritti umani su cui è stata fondata. In questo percorso l’autore include la sua stessa famiglia, scappata prima dalla Russia scossa dalla guerra civile e poi dalla Germania nazista. Perché ogni identità, ogni senso di appartenenza è frutto di un dislocamento precedente, del desiderio di approdare, un giorno, a un porto sicuro.

 

Autore

, giornalista britannico, dirige «New Humanist», la rivista della Rationalist Association. Ha pubblicato articoli e reportage per «London Review of Books», «The Guardian», «The New York Times» e «Al Jazeera». Nel 2017 ha vinto il Migration Media Award per il miglior articolo sul tema delle migrazioni. Nel 2013 è uscito Bloody Nasty People: The Rise of Britian’s Far Right, finalista all’Orwell Prize.