fbpx

Costruttori di armonie

La liuteria dalla materia al gesto

pp. 96 con 46 ill. a col.
978-88-317-1551-5
Costruttori di Armonie (Auditorium di Milano Fondazione Cariplo, 6 dicembre 2012 / 7 aprile 2013), rende omaggio all'eccellenza della grande liuteria italiana e cremonese. Mestiere d'arte fra i più ricchi di storia, di tradizione e di valenze artistiche e culturali, la liuteria è anche straordinaria realtà produttiva, che trova tuttora in Cremona la sua espressione più alta e riconosciuta a livello mondiale. Il progetto nasce dalla collaborazione tra la Fondazione Colo-gni dei Mestieri d'Arte, la Fondazione Antonio Stradivari Cremona-La Triennale e la Fondazione Orchestra Sinfonica e Coro Sinfonico di Milano Giuseppe Verdi, con l'intento di estendere a un pubblico vasto e qualificato la conoscenza della liuteria. Si avvale della collaborazione del Museo del Violino, la cui apertura ufficiale è prevista a Cremona per la primavera 2013: una struttura unica al mondo, allo stesso tempo auditorium e museo, laboratorio di ricerca e centro studi. L'iniziativa è resa possibile dal contributo di Vacheron Constantin, la più antica maison ginevrina di alta orologeria che da sempre sostiene e promuove i mestieri d'arte nel mondo ed è partner ufficiale delle Giornate Europee dei Mestieri d'Arte. È sostenuta inoltre da Intesa Sanpaolo, istituto attivo nella diffusione della cultura e dell'eccellenza del fare. La liuteria è una attività di alto artigianato che ha trovato 500 anni fa a Cremona il suo habitat ideale grazie alla presenza e all'azione di Andrea Amati; ha raggiunto il suo apice circa due secoli dopo con Antonio Stradivari, Giuseppe Guarneri del Gesù e Carlo Bergonzi; è vivissima oggi nelle 155 botteghe artigiane di liuteria cremonesi. Una tradizione e una concentrazione di attività assolutamente uniche al mondo. Un primato di eccellenza che il nostro Paese detiene da sempre e che il mondo ci riconosce e ci invidia. Questa gloriosa tradizione vive attivamente grazie a una rete virtuosa che si è sviluppata sul territorio e trova i suoi baluardi nelle importanti istituzioni locali e nella loro azione di diffusione e di salvaguardia. Si tratta di uno dei pochi distretti di eccellenza italiani in cui realmente si fa "sistema", tutelando e promuovendo i maestri d'arte per ciò che sono: un patrimonio vivente. Le fotografie di Emanuele Zamponi, realizzate presso alcuni degli atelier dei maestri liutai cremonesi, raccontano con forza questo mestiere d'arte straordinario cogliendone volti, gesti, ambienti, luci, colori, suoni e silenzi.