La lunga ombra di Yalta

La specificità della storia politica italiana.
Conversazione con

pp. 216, 3° ed.
978-88-317-8245-6

La ricostruzione in controluce dei destini dell’Italia decisi già durante la conferenza di Yalta, a seguito della quale fu sancita una tacita spartizione del paese in due aree di influenza, ha comportato la creazione di una democrazia anomala, bloccata da due sistemi di controllo, quello americano e quello sovietico, contrapposti ma al tempo stesso alleati nella spartizione politica del potere. In quest’ottica gli orientamenti del paese, le linee di governo e la sua organizzazione negli anni dal dopoguerra alla morte di Moro hanno in qualche misura condizionato un vero confronto politico con conseguenze che sono evidenti ancora oggi. All’interno di tale precario equilibrio gli anni del governo socialista, i progetti economici e riformatori e gli interventi diplomatici internazionali hanno scatenato reazioni che sono sfociate nel drammatico periodo di Mani Pulite. La lunga esperienza e la conoscenza dei meccanismi più reconditi che portano alla formazione dell’Europa e all’introduzione della moneta unica, consentono tuttavia all’autore di andare oltre la ricognizione storica per delineare un programma di partecipazione dell’Italia nella ridefinizione degli assetti politici e economici del mondo di oggi.

Gianni De Michelis è segretario nazionale del Partito socialista Nuovo Psi. Parlamentare socialista dal 1976 al 1994, è stato ministro delle Partecipazioni Statali dal 1980 al 1983, del Lavoro dal 1983 al 1987, degli Affari Esteri dal 1989 al 1992, e vicepresidente del Consiglio dal 1988 al 1989. Inoltre tra il 1982 e il 1993 è stato vicesegretario nazionale del Psi.

Francesco Kostner è giornalista del quotidiano "Gazzetta del Sud".

Autore

docente universitario di Chimica, è stato ministro delle Partecipazioni statali, del Lavoro, degli Affari esteri nonché vicepresidente del Consiglio, più volte deputato e parlamentare europeo fino al 2009. È presidente dell’Ipalmo, Istituto per le relazioni tra l’Italia e i paesi di Africa, America Latina, Medio Oriente ed Estremo Oriente.