fbpx

Musica e Politica nell'Italia unita

Dall'Illuminismo alla repubblica dei partiti

pp. 360, 1° ed.
978-88-317-1793-9
Il volume analizza la concezione della musica nel frangente della nascita della nazione italiana, come arte inestricabilmente connessa al nuovo ruolo dell'opinione pubblica segnato dall'avvento delle repubbliche giacobine. Le torsioni di significato a cui la musica è stata costretta nella modernità ne hanno non solo mutato la natura di disciplina, da scienza ad arte, ma anche imposto il carattere formale e legato alla forma scritta, secondo i canoni della sociabilità borghese incentrati sul teatro.
Dal tardo Illuminismo fino al Risorgimento, come nella Scapigliatura, nell'Idealismo e nel fascismo la musica ha giocato un ruolo di rilievo come cartina di tornasole di un atteggiamento più generale verso la sfera pubblica e la modernità politica.
Proprio questi caratteri hanno incontrato nel Novecento una crisi a opera di nuovi movimenti come il futurismo e il comunismo, grazie ai quali la musica ha recuperato elementi come attenzione all'oralità e all'improvvisazione e un nuovo ruolo nella sociabilità politica.
Questa ricerca mette in evidenza i nessi tra la composizione musicale e la sua elaborazione da parte dei musicisti, degli intellettuali e di significativi leader politici fino a individuare la catena di significati che la realtà sociale e politica ha impresso alla performance musicale dal Settecento alla fine del Novecento. La completezza e la profondità di analisi ne rendono indispensabile la lettura sia per ogni lettore attento e appassionato, sia per storici contemporaneisti e modernisti, storici della musica, storici della cultura e per musicisti e compositori interessati a comprendere le relazioni tra musica e sfera politica in uno dei grandi stati-nazione dell'Europa continentale.

Autore

è dottore di ricerca in Storia Contemporanea. Ha pubblicato una monografia intitolata Roberto Farinacci e il PNF 1923-1926 e diversi articoli sul fascismo, il futurismo e il giacobinismo italiano e ha curato un volume su Giuseppe Dossetti. È stato Associate Fellow e Tutor presso l’Università di Warwick, Visiting Scholar presso l’Hannah-Arendt-Institut für Totalitarismusforschung an der Technischen Universität Dresden. Ha insegnato all’Università di Roma Tre, l’Università della Calabria, e ha tenuto lezioni presso le Università di Würzberg e Münster.