Guglielmo Zambrini

Guglielmo Zambrini (1925-1996) è stato un personaggio molto importante per la cultura italiana in materia di trasporti: per il penetrante contributo di analisi critica e di proposta e, insieme, per la capacità di connettere il tema dei trasporti alle più ampie e complesse questioni delle trasformazioni delle città e del territorio. È stato professore ordinario di Infrastrutture, Viabilità e Trasporti presso il corso di laurea in Pianificazione Territoriale e Urbanistica dell'Istituto Universitario di Architettura di Venezia (IUAV) e ha insegnato alla facoltà di Ingegneria di Pavia e al Politecnico di Milano. Con ruoli e strumenti diversi ha partecipato attivamente a molte vicende della politica nazionale dei trasporti: come direttore, per molti anni, della rivista «Strade e Traffico»; come studioso e direttore di ricerca (ILSES e CRPE); come interlocutore autorevole di governi e istituzioni nazionali e locali; come responsabile o consulente di piani dei trasporti alle diverse scale. A livello locale è stato direttamente responsabile o ha fornito preziosi contributi per la redazione di molti piani territoriali e ha collaborato con valenti urbanisti e architetti in un gran numero di piani e di progetti urbani.