fbpx

Il figlio del vento

traduzione di

pp. 386
978-88-317-7988-3

Alla fine del diciannovesimo secolo un giovane esploratore svedese è in viaggio in Sudafrica alla ricerca di un insetto misterioso. Ai confini del deserto del Kalahari trova invece un bambino rimasto solo e decide di portarlo con sé in Svezia. Molo ha visto uccidere suo padre. Non ha più nessuno quando Hans Bengler lo porta con sé a nord, tra la neve della Svezia: anche se non impiegherà molto a imparare la nuova lingua e ad accettare il suo nuovo nome, la nostalgia per la sua terra non cesserà mai di tormentarlo. Ora deve portare le scarpe, bussare alle porte, soprattutto deve subire gli sguardi curiosi di chi non ha mai visto una persona di colore, lasciarsi studiare dagli scienziati e farsi condurre in pubblico come una "curiosità". Intanto le immagini dell’Africa non lo lasciano, e soltanto i sogni possono dargli ancora un po’ di calore: lo riportano al villaggio, alla tribù, agli affetti. Con una bambina vicina di casa si prepara a costruire un’imbarcazione che gli permetta di raggiungere le coste africane. Ma un giorno, la bambina viene trovata morta, uccisa brutalmente, con la gola tagliata e coperta di fango. Dell’assassino, nessuna traccia.

"Ho davanti agli occhi quel bambino. Forse si è chiesto dove sia finita tutta la sabbia. Dove sono i suoi antenati, e tutta la sua vita… Per me il senso più profondo di questo racconto sta tutto qui. È come se quel bambino stesse sull’altra riva del fiume della vita, ci facesse un cenno con la mano e ci ricordasse che le buone intenzioni da sole non sono sufficienti per essere d’aiuto agli altri, devono essere accompagnate dal buon senso"Henning Mankell

"Dopo il grandissimo successo di Comédia infantil, con Il figlio del vento Henning Mankell conferma di non essere solo un eccellente autore di romanzi gialli" DIE PRESSE

HENNING MANKELL è nato nei pressi di Stoccolma nel 1948 e vive tra la Svezia e Maputo, in Mozambico. Scrittore, regista e drammaturgo, autore anche di libri per bambini, ha dominato le classifiche internazionali con la serie dell’ispettore Wallander: nove episodi, tutti in uscita per Marsilio, che ha già pubblicato La falsa pista (1998), La quinta donna (1999), Delitto di mezza estate (2000), Assassino senza volto (2001), I cani di Riga (2002). Tra i romanzi di ambientazone africana, nel 2001 è uscito Comédia infantil.

Autore

(1948-2015) ha vissuto tra la Svezia e il Mozambico. Scrittore e regista teatrale, noto per la serie del commissario Wallander, è autore di romanzi, polizieschi e libri per bambini che hanno venduto più di quaranta milioni di copie nel mondo. Con Sabbie mobili ha lasciato anche un libro testamento in cui si confronta con la malattia cui si è dovuto arrendere il 5 ottobre del 2015. Tutte le opere di Henning Mankell sono pubblicate in Italia da Marsilio.