Il lungo viaggio di Primo Levi

Il lungo viaggio di Primo Levi

La scelta della resistenza, il tradimento, l'arresto. Una storia taciuta

pp. 192, 1° ed.
978-88-317-1464-8
Nella notte tra il 12 e il 13 dicembre del 1943, Primo Levi venne arrestato, in località Amay (valle d’Aosta), durante un rastrellamento della milizia fascista contro i partigiani. Con lui saranno arrestati Luciana Nissim e Vanda Maestro, Aldo Piacenza e Guido Bachi che, da qualche settimana, hanno dato vita a una banda di ribelli affigliata a Giustizia e Libertà. Nonostante questo episodio dia inizio a tutto il suo calvario di ebreo deportato ad Auschwitz, Primo Levi parlerà assai poco e saltuariamente della sua permanenza in montagna tra i partigiani. Anzi arriverà a definirlo «il periodo più opaco» della sua vita. «È una storia di giovani bene intenzionati ma sprovveduti - scriverà - e sciocchi, e sta bene tra le cose dimenticate». Qual è la causa di un giudizio così severo, accompagnato da un silenzio interrotto solo da alcune pagine di un racconto e da cenni contenuti in opere letterarie e di testimonianza? L’esecuzione sommaria all’interno della banda di due giovani che con le loro azioni minacciavano la sicurezza e la vita stessa del gruppo partigiano può sicuramente aver contribuito. E tuttavia, la ricostruzione puntuale e documentata delle settimane che videro Levi passare dalla scelta antifascista alla lotta partigiana, apre altri scenari, suggerendo un legame di continuità tra la vita partigiana e la lotta per la sopravvivenza ad Auschwitz. Una storia inedita, raccontata per la prima volta a partire da documenti ritrovati, interviste e ricostruzioni d’ambiente.

Autore

vive a Mantova. Tra le sue pubblicazioni: Nome di battaglia: Diavolo (2000), Prigionieri della memoria (2006), Foibe rosse (2007), Il segreto di Barbiana (2008), Il lungo viaggio di Primo Levi (2013), Mano nera (2014) e, con Carlo Saletti, Visitare Auschwitz (2011) e Auschwitz (2016), tutti editi da Marsilio; Ultima fermata Auschwitz (1996), Il mio nome è Anne Frank (2010), Primo Levi: l'uomo, il testimone, lo scrittore (2013), Ero una bambina ad Auschwitz (2015). Ha curato il Diario di Anne Frank (1993) e Dizionario della Resistenza (con Enzo Collotti e Renato Sandri, 2000), editi da Einaudi. Con Rizzoli ha pubblicato Auschwitz 1940-1945 (1999).