PROSSIMI EVENTI:
, , ,

Kulturinfarkt

Azzerare i fondi pubblici per far rinascere la cultura

traduzione di
Kulturinfarkt

Il 24 febbraio 2009 Alessandro Baricco dalle pagine de «la Repubblica» invitava a riflettere su una di quelle crepe che inevitabilmente diventano enormi «sotto la lente della crisi economica»: le sovvenzioni pubbliche alla cultura, quel «fiume di denaro che si riversa in teatri, musei, festival, rassegne, convegni, fondazioni e associazioni. Dato che il fiume si sta estinguendo - scriveva Baricco - ci si interroga. Si protesta. Si dibatte».
Questo libro, un caso senza precedenti in Germania, la cui eco è arrivata in tutti i paesi europei, prospetta un imminente «infarto della cultura». Gli autori innescano una sapiente, quanto spietata e lucida, polemica sulle politiche culturali, la cultura istituzionale, le sovvenzioni alla cultura. Vi si ritrovano in aperto conflitto tutte le idee, le visioni, i concetti che nel corso della storia hanno armato la benefica mano dello Stato come promotore della cultura, per scopi sempre diversi.
La proposta shock di tagli consistenti alle istituzioni culturali per una redistribuzione delle risorse non è che l’inizio di una profonda ricognizione volta a smascherare storture e anacronismi, ideologie e scomode realtà: l’eccesso di offerta è un errore perché si fonda sul presupposto sbagliato che ogni prodotto possa generare da sé il proprio pubblico; la massiccia avanzata di consulenti e manager della cultura non produce innovazione, ma solo conformismo dal sapore burocratico; troppi sono oggi i compiti affidati alla cultura che - schiacciata dal dover favorire la democratizzazione, integrare gli stranieri, rendere le città più accoglienti, assicurare la pace, generare crescita economica - perde di vista la sua ragion d’essere e il confronto con il pubblico.
Se è vero che non sono solo le istituzioni culturali tedesche a rischiare l’infarto, secondo l’icastica definizione che il libro suggerisce, le critiche e le proposte qui delineate sono una potente arma per avviare il confronto che, seppur diretto e spietato, è il solo modo per salvare il salvabile e spingere in direzione di un rinnovamento anche in Italia. Nella consapevolezza, però, sottolineano gli autori, che «l’arte non guarirà il mondo».




Informazioni


pp. 272, 1° ed.
Euro 18,00
2012
isbn: 978-88-317-1437-2

EBook

Euro 9,99

CARTACEO

Euro 18,00


01/09/2013
Repubblica

12/07/2013
Tempo

01/04/2013
Giornale dell'arte

10/03/2013
Giornale

25/02/2013
Corriere della Sera

10/02/2013
Sole 24 Ore

09/12/2012
Unità

03/12/2012
Panorama.it

28/11/2012
Messaggero Veneto

23/11/2012
Stampa

22/11/2012
Giornale

21/11/2012
Repubblica

20/11/2012
Giornale

16/09/2012
Giornale

  • Marsilio Editori
  • Marsilio Editori S.p.A.
  • Marittima - Fabbricato 205
  • 30135 Venezia

  • p. iva IT 00348290271
  • Copyright © 2008 Marsilio Editori S.p.A.
  • Policy Privacy