La bellezza di legno

La bellezza di legno


pp. 200 con 146 ill. a col., 1° ed.
978-88-317-2919-2

Foglie, rami, tronchi, cortecce, radici: immagini di una bellezza sconvolgente e di delicata inquietudine. Vittorino Andreoli negli ultimi 10 anni ha fotografato soltanto alberi e soprattutto cortecce e in questi frammenti ha ripercorso l’umanesimo della follia, nella metafora dell’albero storto. L’albero è la rappresentazione simbolica dell’uomo e ancora oggi dal disegno di un albero si desumono alcuni tratti distintivi della personalità di un individuo.
Le oltre 200 fotografie che compongono questo libro, scattate da Andreoli con la sua Leica, sono come un microscopio elettronico che permette di vedere nella natura e nell’uomo ciò che subito risulta nascosto: attraverso quei frammenti si percepisce una visione speciale della realtà.

«Non ho in progetto di raddrizzarli. Voglio semplicemente stare con loro, per capirli meglio e per meditare sulle loro forme, sul perché sono storti fin da quando escono dalla Terra» Vittorino Andreoli

Autore

psichiatra di fama mondiale, scrittore, è stato direttore del Dipartimento di Psichiatria di Verona-Soave ed è membro della New York Academy of Sciences. È autore di numerose pubblicazioni scientifiche e libri di divulgazione, molti dei quali best seller. Per Marsilio ha pubblicato La nuova disciplina del bendessere. Vivere il meglio possibile (2016) e Le forme della bellezza. Viaggio nell’arte del bendessere (2017).