Reima Pietilä. Centro Dipoli, Otaniemi


pp. 96 con ill. a col. e b/n
978-88-86498-50-0

Il centro studentesco Dipoli a Otaniemi, presso Helsinki, è uno dei più significativi ed eversivi capolavori di Reima Pietila. Inserito in un fitto bosco di conifere, con la sua frastagliata copertura in rame l'edificio si inserisce arminicamente nel paesaggio, dando vita a uno spazio che evita la tirannia di qualsiasi ordine, mai riducibile alle regole della simmetria, a modelli predefiniti. L'irregolare finestratura e l'uso di materiali naturali richiamano la foresta all'interno dell'edificio e tuttavia la destrutturano frammentandola. Dipoli è un'architettura astorica, che "volta le spalle al Ventesimo secolo e guarda verso il Decimo", dove lo spazio è in continuo divenire e il linguaggio architettonico è letteralmente instabile, non definito, in continuo movimento, come un cangiante gruppo di nubi. Uno spazio fondato sulla parola mitopoietica della metafora, un grado zero dell'architettura in cui il linguaggio non possiede più le chiavi della narrazione architettonica.

Roger Connah, storico e critico dell'architettura, vive e opera fra Stoccolma, Helsinki e il Galles settentrionale. Ha pubblicato numerosi saggi fra cui: Writing Architecture (1989), The end of Finnish Architecture (1994), Tango Mantyniemi (1995), Welcome to the Hotel Architecture (1998), Grace and Architecture (1998). Ha inoltre curato diversi documentari di argomento architettonico, fra i quali Take Five (1993) e Aaltomania (1996).

Autore

storico e critico dell'architettura, vive e opera fra Stoccolma, Helsinki e il Galles settentrionale. Ha pubblicato numerosi saggi fra cui: Writing Architecture (1989), The end of Finnish Architecture (1994), Tango Mantyniemi (1995), Welcome to the Hotel Architecture (1998), Grace and Architecture (1998). Ha inoltre curato diversi documentari di argomento architettonico, fra i quali Take Five (1993) e Aaltomania (1996).