La vita è un sogno

La vita è un sogno

a cura di

pp. 280, 4° ed.
978-88-317-9664-4
Pedro Calderón recupera alle soglie della modernità il tema mitico dello scontro fra padre e figlio e lo trasforma ne La vita è un sogno in un intenso dramma barocco, dove la complessità del tessuto concettuale e delle riflessioni filosofiche viene diluita in un'azione avvincente di grande impatto spettacolare. La storia del principe di Polonia Segismundo - imprigionato dalla nascita dal padre astrologo Basilio - e del crudele esperimento di cui è vittima, si affianca all'esperienza dolorosa di Rosaura che cerca di recuperare l'onore perduto. È un dramma appassionante sul potere e la violenza, una geniale variazione sugli eterni temi del rapporto conflittuale tra generazioni, tra libertà e destino, tra autorità e ribellione. Con La vita è un sogno Calderón ha creato un capolavoro della cultura occidentale, profondamente barocco e al tempo stesso di grande attualità: il personaggio di Segismundo è divenuto un mito della coscienza tragica dell'uomo moderno, simbolo dell'impossibilità di stabilire il confine tra apparenza e realtà e della dolorosa constatazione della precarietà dell'esperienza umana.

Autore

Nato nel 1600 a Madrid,