Obama

La politica nell'era di Facebook

pp.160, 1° ed.
978-88-317-9608-8
Come nasce un leader nel terzo millennio. Una lezione per l'Italia

Cinque anni fa, Barack Obama era ancora un semplice membro dell’assemblea statale dell’Illinois; oggi, questo outsider assoluto, figlio di un politicante kenyota e di un’antropologa del Kansas, nato alle Hawaii e cresciuto in Indonesia, è il candidato democratico alla Casa Bianca.
Com’è stato possibile? Nell’America impaurita e ripiegata su se stessa di George W. Bush e di Dick Cheney? In questo libro, Giuliano da Empoli ricostruisce l’ascesa di Obama ed elabora una tesi interpretativa originale: Barack è il primo esponente politico della new economy. Tra lui e gli altri candidati c’è la stessa differenza che separa la Apple dalla General Motors. O Wikipedia dall’Enciclopedia Britannica.
Con l’avvento di Obama, la generazione di Internet e delle start-up che hanno cambiato il volto dell’economia e della società Usa fa il suo ingresso in politica
E l’effetto è destinato a cambiare il mondo nel quale viviamo: comunque vadano a finire le elezioni americane.

Autore

è presidente del think tank Volta ed editorialista del «Messaggero». In precedenza è stato assessore alla cultura di Firenze, presidente del Gabinetto Vieusseux, amministratore delegato di Marsilio Editori e membro del consiglio di amministrazione della Biennale di Venezia. Sui temi della cultura contemporanea ha pubblicato Overdose (2002), Fuori controllo (2005), La sindrome di Meucci (2006) e Contro gli specialisti (2013) con Marsilio e La prova del potere (2015) con Mondadori.