L'idea del capitale in Occidente

prefazione di
1° ed.
978-88-317-9462-6
Il capitale non è una cosa, ma un rapporto sociale fra persone mediato da cose
Karl Marx

Molto si discute di capitalismo ma raramente ci si domanda cosa sia il capitale. Perché?
Si tratta di un concetto che non si lascia afferrare, e disorienta mutando continuamente forma. Tuttavia, affrontarlo è un passaggio obbligato per capire l’economia moderna.
La tesi di questo libro è che si possa pensare il capitale come un mezzo oppure come un fine. Nel primo caso esso acquista una valenza sociale, nel secondo risulta svuotato di ogni istanza di giustizia.
Boldizzoni ripercorre la storia di una dicotomia che ha lacerato l’Occidente dal Rinascimento ai nostri giorni istituendo una relazione sistematica tra la dimensione intellettuale e le trasformazioni materiali  e culturali di scenario. L'altalena delle grandi potenze: dalla Spagna degli Asburgo alla Francia di Luigi XV, dall'Inghilterra vittoriana alla Germania del Terzo Reich, entra in gioco con un peso a volte decisivo nello spiegare il successo o la sfortuna di ciascuna visione teorica.
La centralità dell'Europa rispetto a questo dibattito viene bruscamente meno con lo scoppio della Seconda guerra mondiale. Un'analisi disincantata del primato culturale degli USA nei successivi decenni apre uno scorcio imprevedibile sulla crisi del pensiero economico contemporaneo.


Francesco Boldizzoni (Pavia 1979) insegna Economia politica e Storia economica nelle Università Bocconi e Milano-Bicocca. È membro di Clare Hall, Cambridge.

Autore

(Pavia 1979) insegna Economia politica e Storia economica nelle Università Bocconi e Milano-Bicocca. È membro di Clare Hall, Cambridge.