L'eleganza faziosa

1° ed.
978-88-317-9361-2
Con l’aggettivo «fazioso» il lessico di Pier Paolo Pasolini ha un conto aperto: faziosa è l’allegria che a tratti imbanalisce le fisionomie dei suoi ragazzi di vita, così come la sporcizia che le dissecca; faziosa è la passività con la quale i giovani assorbono i nuovi modelli di vita imposti dal capitalismo, così come l’aria tronfia dei borghesi agiati. Ma «faziose» sono anche, e soprattutto, le sciarpette «corrotte», e immancabilmente «rosse», annodate attorno al collo dei ragazzetti, bambini quasi, che, assorti in una loro ricerca esistenziale, sono visti fare la spola tra Trastevere e le borgate romane degli anni Cinquanta. Il dandismo popolare della «Roma yankee» resterà anche nei decenni successivi, e più che mai in Petrolio, la sorgente della «disperata» quanto tragica vitalità della scrittura pasoliniana. Con esiti paralleli a quelli cinematografici, ma da essi indipendenti, l’indumento - e qui il posto d’onore è occupato dai jeans, o «calzoni americani» - plasma il corpo del ragazzo di vita e ne è a sua volta plasmato. Lo convenzionalizza, e ne è a sua volta convenzionalizzato. Si apre un dialogo, nel quale interlocutore implicito è il teddy boy dell’Europa borghese di antica industrializzazione.

Paola Colaiacomo è ordinaria di  Letteratura inglese e insegna Cultura inglese della moda ed Estetica presso il  Corso di laurea in Design della moda dell’Università IUAV di  Venezia. La sua riflessione sulla teoria e la cultura della  moda abbraccia problematiche che investono così l’Ottocento come la nostra  contemporaneità (Cartamodello, Roma 2000; Mercanti di  stile, Roma 2002:  entrambi in collaborazione con Vittoria C. Caratozzolo). Ha curato il  volume Fatto in Italia. La cultura del made in  Italy (Roma, 2006). E’  attualmente impegnata in una ricerca su moda e  letteratura.

MODE è un progetto della Fondazione Pitti Discovery diretto da Maria Luisa Frisa e dedicato
alle idee e alle figure della moda

 


Autore

è ordinaria di  Letteratura inglese e insegna Cultura inglese della moda ed Estetica presso il  Corso di laurea in Design della moda dell’Università IUAV di  Venezia. La sua riflessione sulla teoria e la cultura della  moda abbraccia problematiche che investono così l’Ottocento come la nostra  contemporaneità (Cartamodello, Roma 2000; Mercanti di  stile, Roma 2002:  entrambi in collaborazione con Vittoria C. Caratozzolo). Ha curato il  volume Fatto in Italia. La cultura del made in  Italy (Roma, 2006). E’  attualmente impegnata in una ricerca su moda e  letteratura.