Il Liber Paradisus con un'antologia di fonti bolognesi in materia di servitù medievale (942-1304)

a cura di

pp. 272, 1° ed.
978-88-317-9324-7
Tra il 1256 e il 1257 il Comune di Bologna stabilisce di procedere all’abolizione della servitù sul proprio territorio, riscattando i servi dai loro padroni. Il Liber Paradisus rappresenta il memoriale ufficiale di quell’evento straordinario che conserva i nomi degli affrancati dal comune cittadino. Questa nuova edizione del manoscritto è arricchita da un’ampia antologia di testi, inediti o poco noti, riguardanti la servitù a Bologna nel corso del Medioevo ed è corredata da un’introduzione storica che illustra il contesto in cui maturò quella scelta di libertà.

Armando Antonelli (1969), laureato in storia medievale presso l’Università di Bologna, ha conseguito il dottorato europeo in rilologia romanza. È autore di numerosi saggi, comparsi in volumi miscellanei e riviste specialistiche, ed è coautore, per i tipi di Marsilio, del volume Il Palazzo dei Bentivoglio. Nelle fonti del tempo, pubblicato nel 2006.