Bassa marea

Versi in lingua e in dialetto

pp. 112, 2° ed.
978-88-317-9090-1
La poesia degli affetti
dei paesaggi nebbiosi
del Delta magico e solitario
della fedeltà delle amicizie
degli amori domestici
degli affetti familiari
delle donne spregiudicate
della memoria che scolora
della religione senza fede sicura
della malinconia inconsolata
del furore contro l’inferno
della vita che fugge malandrina

questo è il secondo tempo
della poesia di G.A. Cibotto
al solito in lingua e in dialetto

«De le volte da un tantin
nasse un tanton...»

Cesare De Michelis

G.A. Cibotto si è sempre interessato di letteratura e teatro, alternando la narrativa alla saggistica. Con Marsilio ha pubblicato molti dei suoi libri, da ultimo Amen il suo primo libro in versi (1998, due edizioni).






Autore

si è sempre interessato di letteratura e teatro, alternando la narrativa alla saggistica. È stato il primo a riproporre nel dopoguerra Ruzante, Giancarli, il Cieco Groto, contribuendo alla rinascita del teatro veneto.