Gli ultimi cavalieri dell'Apocalisse


pp. 192, rilegato
978-88-317-8456-6
L’Apocalisse è il racconto che unisce destino, fede, profezia, religione e storia naturale in una fiaba, sempre affascinante per gli interpreti che da duemila anni lo scandagliano nelle trame più sottili e avvolgenti. Ai nostri giorni l’epilogo di questa Rivelazione - questo significa Apocalisse in greco - sembra avvicinarsi, con tutto quel che succede in Medio Oriente, da Gerusalemme a Babilonia. Così due ricercatori d’oggi, un professore e un giornalista, diventati amici per un incontro drammatico a Roma, decidono di perlustrare luoghi e tempi del grande libro scritto dall’evangelista Giovanni sulle rivelazioni avute nell’isola di Patmos, or sono venti secoli. È la storia di due uomini del Duemila su un sentiero sacro e buio, abbagliante e tortuoso che li porta da Roma a Gerusalemme, alla ricerca di San Giovanni e delle sue pagine. Attraverso incontri, biblioteche, agguati, scandagli, linguaggi e accadimenti realmente vissuti scopriamo l’attualità di questo grande libro e della sua forma linguistica, dove le parole diventano persone e in cui passato e futuro si uniscono sempre al presente. Ciò fa di questa vicenda la più fantastica e autentica fiaba che conclude il Nuovo Testamento con cui la nostra religione racconta se stessa. Ed è a Gerusalemme, straziata oggi da drammi e tragedie quotidiane, che si apre il nuovo sigillo di questa antica storia, soffusa di attesa millenaria. Il linguaggio gnostico si unisce al racconto delle origini e a quello delle tecnologie computeristiche per offrire in queste pagine una narrazione, in gran parte reale, che promette, a differenza delle antiche visioni dell’Apocalisse, una nuova speranza all’avvenire del mondo.
Stanislao Nievo è nato a Milano nel 1928. Ha viaggiato per quarant’anni in tutto il mondo, fino in Antartide, come giornalista e regista. Con Il prato in fondo al mare ha vinto il Premio Campiello nel 1975. Con Le isole del Paradiso il Premio Strega nel 1987. Autore di altri sei romanzi e di due libri di poesia, ha tradotto Kipling e Defoe. Fondatore della Foresta Ideale e del wwf, creatore dei Parchi letterari, è il presidente della Fondazione Ippolito Nievo. Con Marsilio ha pubblicato Il sorriso degli dei (1997) e Aldilà (1999) e, nei Tascabili, Le isole del Paradiso (1997) e La balena azzurra (1998). www.stanislaonievo.it

 

Enzo Pennetta, è nato a Roma nel 1960. Insegna scienze naturali presso un liceo classico, collabora con la rivista "Poetry". www.enzopennetta.it

PARCHI LETTERARI

Autori

è nato a Roma nel 1960. Insegna scienze naturali presso un liceo classico, collabora con la rivista "Poetry".
(1928-2006) è stato scrittore, fotografo, giornalista e regista di documentari cinematografici e televisivi. Ha scritto numerosi romanzi, tra cui per Marsilio: nei Romanzi e racconti Il sorriso degli dei (1997), Aldilà (1999) e, con Enzo Pennetta, Gli ultimi cavalieri dell'Apocalisse (2004); nei Tascabili Le isole del paradiso (Premio Strega 1987) e La balena azzurra (1998).