Teatro Malibran

di Venezia a San Giovanni Grisostomo
978-88-317-7576-2

l Teatro Malibran, già San Giovanni Grisostomo, è il più antico tra quelli ancora attivi a Venezia. Esso venne inaugurato nel Carnevale del 1678 alla spalle del Ponte di Rialto, nei pressi della casa natale di Marco Polo nel centro della città, e segna una importante svolta nella storia teatrale veneziana perché, puntando soprattutto sull’opera in musica, tese a raccogliere il pubblico più aristocratico e mondano che si affacciò dai suoi 165 palchetti per esibirsi in uno spettacolo di festa e lusso che competeva con quello che si svolgeva sul palcoscenico, dove macchine sempre più sofisticate e complesse trasformavano l’opera in una autentica meraviglia di gusto barocco. Solo alla fine del Settecento nuove sale e soprattutto la Fenice toglieranno al San Giovanni Grisostomo un secolare primato e per i successivi due secoli quello che dal 1835 diventerà il Malibran, così onorando in vita la più famosa soprano d’Europa, vivrà una storia meno clamorosa e tuttavia non priva di eventi suggestivi e persino clamorosi. Il 26 maggio prossimo, con un concerto diretto da Isaac Karabtchewsky, il Malibran restaurato riaprirà i battenti, di nuovo primo teatro di Venezia quanto meno fino alla ricostruzione della Fenice. Il volume riccamente illustrato racconta la storia, lunga ormai 323 anni, di un teatro più volte ristrutturato, illustra l’ultimo restauro compiuto, ne illumina i più significativi eventi teatrali e scenografici e rende omaggio a Maria Malibran, cui esso si intitola.

Maria Ida Biggi insegna storia della scenografia al corso di laurea in conservazione dei beni culturali dell’Università di Venezia. Per Marsilio ha curato L’immagine e la scena. Bozzetti e figurini del teatro la Fenice, Giuseppe Borsato scenografo alla Fenice, Francesco Bagnara scenografo alla Fenice, Il concorso per la Fenice 1789-1790.