La padrona

a cura di , traduzione di
978-88-317-6979-2

Il racconto più originale e inquietante del giovane Dostoevskij

Scritta nel 1847 la novella si incentra sulla figura del giovane sognatore Ordynov, assillato dall’improbabile progetto di concepire un sistema nel quale fondere arte e scienza, poesia e filosofia, che vagabonda per la città irretito dalla dolce e misteriosa Katerina incontrata in una chiesa durante una funzione. La narrazione si sviluppa intorno al vano tentativo di Ordynov di salvare Katerina dal suo persecutore, tra colpi di scena e improvvisi mascheramenti, ma il legame che lega i due (terrore, ricatto, dipendenza fisica e psicologica, un assassinio antecedente) è indistruttibile e Ordynov decide di uscire di scena. La novella mostra tutta la maestria dostoevskiana nel descrivere i moti più profondi della psiche preda della follia e del dubbio, preannunciando molti toni e situazioni dei grandi romanzi successivi.

Stefano Garzonio è professore di lingua e letteratura russa presso l’Università di Pisa. Per Le betulle ha curato Senilia di Turgenev.

Francesca Gori è responsabile della sezione dei paesi dell’est della Fondazione G. Feltrinelli di Milano.