L'invenzione delle nuvole

L'invenzione delle nuvole

Lettera d'amore sull'arte e la poesia
1° ed.
978-88-317-3350-2

Perché la ricerca pittorica sul mutevole profilo delle nuvole può considerarsi un capitolo a sé nella storia culturale del XIX secolo? Partendo dall’Ottocento di Caspar David Friedrich, Florian Illies ci accompagna attraverso due secoli d’arte e letteratura, passando per l’espressionismo di Gottfried Benn, la tragedia della Prima guerra mondiale interpretata da Georg Trakl e la Pop Art di Andy Warhol. Ad affascinarlo non sono solo le vite degli artisti e le loro opere: lo sguardo dello storico dell’arte è capace di trovare percorsi latenti, rimandi e simboli che gettano nuova luce sui segni del passato. Si scopre così, in una personalissima e suggestiva camera delle meraviglie, perché nel loro Grand Tour i pittori dell’Ottocento scegliessero di fermarsi in piccoli e dimenticati borghi italiani per studiarne la luce e il panorama, o in che modo, da Goethe in poi, il Vesuvio sia diventato un’ossessione per molti artisti tedeschi, fino a domandarsi se il Romanticismo non fosse davvero una malattia e, in tal caso, se fosse curabile. Nel racconto di Illies immagini quotidiane e luoghi d’elezione di scrittori e artisti riemergono pieni di luce, di colore, di struggente bellezza. In qualche modo, protagonista del volume è anche l’Italia, fonte d’ispirazione e di riflessioni per molti grandi interpreti della modernità, e con cui l’autore ha un legame particolare.

Autore

(1971) è storico dell'arte. Editorialista della «Frankfurter Allgemeine Zeitung», è stato anche direttore delle pagine culturali della «Zeit» ed è tra i fondatori della rivista d'arte «Monopol». I suoi libri, tradotti in tutto il mondo, hanno venduto più di un milione di copie.