Le parole amorose: Mandragola, Clizia, Morgante


pp. 264, 1° ed.
978-88-317-2354-1

Il volume muove dall’analisi del linguaggio equivoco della Mandragola (con la spiegazione di passi spesso fraintesi o non pienamente intesi e lo svelamento, accanto all’omosessualità di Nicia, della predilezione di Lucrezia per la sodomia) all’interpretazione dell’opera in chiave autobiografica, come commedia del sesso sterile e risposta dell’autore al processo per sodomia fattogli intentare dagli ottimati fiorentini. In contrasto con la consuetudine vulgata di contrapporre Mandragola e Clizia, si fanno emergere le numerose analogie tra le due commedie e vi si riconosce un’identica impostazione di fondo, basata sulla rappresentazione da parte di Machiavelli di sé stesso in veste di personaggio, in polemica contro i propri concittadini e la loro visione delle cose. Ciò non esclude l’accentuarsi del pessimismo nella Clizia, autentico trionfo della fortuna e dell’irrazionalità e messa in scena da parte dell’autore della propria sconfitta politica e amorosa. Attraverso un serrato confronto con l’archetipo della Casina plautina e una puntuale analisi di passaggi del testo abitualmente trascurati, Boggione sconfessa le tradizionali letture dell’opera come commedia moralistica e classicistica, per indicarvi la più acre irrisione dei valori della società cinquecentesca, compreso quell’onore ancora salvato nella Mandragola. Chiude il volume la spiegazione di alcune espressioni oscene del Morgante di Pulci.

Autore

(Alba 1966) insegna Letteratura italiana all’Università di Torino. Ha scritto soprattutto sulla poesia secentesca, su Manzoni e Tommaseo, su Gozzano e i crepuscolari, sugli scrittori-pittori torinesi (Mario Lattes e Italo Cremona) e sulle questioni legate all’intertestualità letteraria. Ha curato per la UTET le Poesie e tragedie di Manzoni, nonché edizioni di Leporeo e Dotti. Si è occupato anche di storia della lingua, con un Dizionario storico del lessico erotico italiano più volte ristampato (Longanesi, TEA, UTET) e un Dizionario dei proverbi.