Il vuoto condiviso

Spazialità complesse nelle residenze contemporanee

pp. 144, con 70 ill. b/n, 1° ed.
978-88-317-2151-6
ll volume tratta le nuove strategie progettuali nella definizione di spazi abitativi capaci di accogliere articolazioni spaziali complesse. Vengono approfonditi in particolare all'interno delle unità abitative, gli ambienti a doppia altezza, luoghi archetipi per eccellenza dell'abitare soprattutto per le loro implicazioni funzionali, psicologiche e ambientali. Si tratta di operazioni coraggiose, dove oltre a capacità formali, architetti responsabili hanno cercato di riversare sensibilità civile e impegno etico nella ricerca di un vero confort abitativo.

Autori

(1970) è ricercatore in Composizione Architettonica e Urbana presso l’Università di Padova (DICEA). Dal 1996 al 1999 lavora presso studi professionali a Berlino, Madrid e Venezia. Consegue nel 2012 l’abilitazione scientifica nazionale a professore associato; è invitato alla UAX di Madrid e ai workshop dello IUAV di Venezia. Per Marsilio ha pubblicato nel 2012 Abitare intorno a un vuoto e nel 2013 L’abitare condiviso.
(1975) è professore associato in Composizione Architettonica e Urbana presso l’Università IUAV di Venezia (DACC). Dal 2006 al 2014 esercita la professione di architetto come membro fondatore dello studio associato Ateliermap. È docente e visiting professor nell’ambito di workshop e seminari di progettazione in Italia e all’estero. Tra i suoi scritti si ricordano: Il muro come contenitore di luoghi (Letteraventidue 2008-2011), Abitare il limite (Letteraventidue 2009-2011) e il saggio L’animale e la conchiglia. L’architettura di Aires Mateus come dimora del vuoto (Mondadori Electa 2011).