Il mito di Demogorgone

Origine e metamorfosi di una divinità "oscura"

pp. 240, 1° ed.
978-88-317-2009-0
Demogorgone è il misterioso personaggio, celato nelle profondità della terra, che Boccaccio, nel suo trattato sulla mitologia classica, pone come capostipite degli antichi dèi. Questa figura, che assolutamente non appartiene al pantheon greco-romano, come già mise in evidenza la filologia umanistica, è però rimasta presente, attraverso numerose metamorfosi, negli ambiti più diversi della cultura non solo italiana ma anche di altri paesi. Fino ai nostri giorni. Effetto del prestigio che ebbero in tutta Europa, per almeno due secoli, le Genealogie deorum gentilium di Boccaccio, o della suggestione esercitata da quel nome che sembra avergli conferito una fantastica consistenza che ne va oltre? Così, troviamo Demogorgone in qualche pagina di dotti umanisti, nei mystères francesi, nei poemi cavallereschi italiani e spagnoli, nel teatro e nella poesia elisabettiana, nell'alchimia, nella poesia romantica, in qualche autore del Novecento e, oggi, nei risvolti oscuri della "cultura" new age. Partendo dal trattato di Boccaccio, questo saggio studia la genesi del "mito" nei secoli della tarda antichità, tra gnosticismo e filosofia neoplatonica, nonché i testi nei quali compare prima che nelle Genealogie deorum, e seguendolo poi nelle numerose epifanie che lo hanno fatto arrivare fino a noi. Un'appassionante avventura lungo sentieri poco frequentati, dove cresce l'erba.

Autore

ha svolto attività culturale all’estero per molti anni, frequentando con piacere le più diverse biblioteche, specialmente in Finlandia dove ha vissuto a lungo. Ha viaggiato e anche abitato per qualche anno in Africa settentrionale. Conduce adesso vita ritirata, dedito interamente ai suoi studi: ama dimenticare il tempo presente, seguendo le tracce di miti e storie lontane. Suoi contributi, di carattere sia letterario che storico-antropologico, si trovano in miscellanee, atti e riviste culturali; in anni recenti ha pubblicato: Il sorriso degli dèi. Mito e realtà in Cesare Pavese (Roma, Jouvence, 2005); Cacciate Lorenzo! La guerra dei Pazzi e l’assedio di Colle Val d’Elsa (Siena, Protagon, 2007); Una storia fiorentina. Il carteggio Arrighi (Firenze, Edizioni Polistampa, 2012).