Il mercato delle location cinematografiche


pp. 208, 1° ed.
978-88-317-1705-2

I luoghi in cui si realizzano le riprese di un film, una fiction televisiva o un documentario ottengono importanti benefici sul piano economico e spesso incrementano la propria notorietà a livello nazionale e internazionale. Per queste ragioni sempre più enti locali in Italia e all’estero stanno adottando iniziative volte ad attirare produzioni audiovisive (e in particolar modo cinematografiche), come la creazione di una film commission e l’istituzione di un film fund.
Ciò ha portato alla nascita di una inedita competizione tra territori, ha favorito una maggior mobilità geografica delle produzioni cinematografiche e soprattutto ha fatto nascere un vero e proprio «mercato delle location» dove amministrazioni locali e imprese cinematografiche negoziano investimenti, servizi e visibilità. Il libro ripercorre le più importanti fasi storiche che dalla seconda metà del secolo scorso ad oggi hanno portato le produzioni cinematografiche ad abbandonare le tradizionali sedi di riprese e a testare nuove ambientazioni. Una particolare attenzione è riservata al fenomeno delle film commission, di cui vengono analizzate le origini, i modelli organizzativi e le ricadute economiche generate sul territorio.

Autori

, dottore di ricerca, insegna Introduzione all’economia del cinema e coordina il Master in Gestione dei media presso l’Università della Svizzera italiana (Lugano). È stato visiting PhD student alla City University of New York e visiting scholar all’Université de Lorraine. Autore di articoli apparsi su numerose riviste tra cui «Media, Culture & Society», «European Journal of Communication», «Studies in Communication Sciences», «Economia della cultura», «Bianco e Nero» e «Comunicazioni sociali», nel 2010 ha pubblicato il volume Il film blockbuster. Storia e caratteristiche delle grandi produzioni hollywoodiane (Carocci).
è professore ordinario di Economia e politica dei media presso l’Università della Svizzera italiana (Lugano) dove dirige l’Istituto Media e Giornalismo (IMeG) e l’Osservatorio sui media in Cina. È inoltre supervisor dei dottorandi della Communication University of China. Autore di saggi e volumi tradotti in diverse lingue, di recente ha pubblicato Economia dei media (Laterza 2012) ed Encoding the Olympics. The Beijing Olympic Games and the Communication impact Worldwide (con Luo Quing, Routledge 2012).