Maestri del fare

Indagine socio-economica sulla domanda di mestieri d'arte a Milano

pp. 216, 1° ed.
978-88-317-1323-8
Il campo dell’artigianato artistico è un sistema complesso, radicato nella storia delle eccellenze del nostro paese. Questo volume, nato dal sodalizio tra la Fondazione Cologni dei Mestieri d’Arte e Scuola Cova, frutto dell’indagine di Isabella Medicina e Silvia Mazzucotelli Salice del Centro di ricerca “Arti e mestieri” dell’Università Cattolica, intende mettere in luce le particolari dinamiche che si ingenerano tra i protagonisti di questo proteiforme universo e le realtà produttive dell’area milanese: una scelta legata non solo alla rilevanza del capoluogo lombardo come epicentro di un sistema creativo, operativo e industriale di rilievo nazionale, ma anche alla precisa richiesta di uno storico ente di formazione professionale - la Scuola Cova - di comprendere l’attuale corrispondenza tra offerta formativa e mondo del lavoro per riformulare le proposte didattiche dell’Ente con uno sguardo nuovo e orientato al futuro. Talento, abilità manuale, capacità organizzativa, competenza tecnica: quali sono le caratteristiche di un maestro d’arte del futuro? Quali sono le figure che vengono ricercate dalle imprese, quando orientano la loro selezione verso i cosiddetti maestri d’arte? E quale tipo di formazione è richiesta? Domande e risposte emergono, in filigrana o controluce, dalle interviste alle aziende, agli atelier e ai maestri d’arte nonché ad alcune figure istituzionali chiave.

Autori

è laureata in Scienze della Comunicazione presso la Facoltà di Scienze Politiche dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, dove ha conseguito il dottorato in Sociologia e Metodologia della Ricerca Sociale. Collabora con ModaCult presso lo stesso ateneo, è membro del Consiglio Direttivo del Master in Comunicazione per le industrie culturali e insegna Sociologia generale presso il corso di laurea in Scienze del Turismo dell’Università dell’Insubria di Como.
si è laureata in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Pavia. Esperta di programmazione e organizzazione dei servizi, si occupa di analisi delle politiche pubbliche in materia di istruzione, formazione e lavoro. La sua attività di ricerca si concentra sul tema della competenza professionale e del suo sviluppo tra formazione e lavoro: in questo ambito è autrice di indagini sui fabbisogni professionali del sistema produttivo e di pubblicazioni (Le mani nella testa. Il Rapporto tra sapere e fare nel lavoro e nella formazione, Milano, Franco Angeli, 2005).