La sindrome del turione

Nordest, mercato globale e imprese adeguate

pp. 168, 1° ed.
978-88-317-1205-7
Piccole e medie imprese, piccoli e medi leader, piccole e medie banche, piccole e medie città, piccoli e medi scrittori, piccole e medie passioni: nel grande Nordest è quasi tutto piccolo e medio e in apparenza non c’è una vera volontà di crescere. Ma è proprio necessario diventare grandi? La risposta è suggerita dalla metafora del titolo del libro. Si può continuare come il germoglio dell’asparago bianco (turione) che non arriva mai a emergere dalla terra oppure tentare di smontare sia i miti della piccola impresa sia quelli della crescita per la crescita. Non si è grandi o piccoli in assoluto ma in relazione ai mercati e ai settori nei quali si deve competere. L’adeguatezza nel mercato globale si deve misurare con la competitività delle imprese, l’efficienza del sistema-Paese e dei suoi sistemi-Regione, il dinamismo sociale e la coesione.

Autore

(1942) è docente di Organizzazione aziendale e Strategia d'impresa alla Facoltà di Economia dell’Università di Padova dove presiede il Corso di laurea specialistica in Economia e direzione aziendale. E' editorialista economico del «Corriere del Veneto», dorso regionale del «Corriere della Sera».