Cella 211

Cella 211

traduzione di

pp. 240, 1° ed.
978-88-317-0665-0
L’esplosivo thriller carcerario da cui è tratto il film spagnolo dell’anno
  
Il giovane Juan Olivier, al suo primo incarico come secondino in un carcere di massima sicurezza, si presenta al lavoro con un giorno d’anticipo sul primo turno di guardia. Mentre visita il braccio che rinchiude i detenuti più pericolosi ha un mancamento. Nel tentativo di rianimarlo, le guardie lo distendono temporaneamente sulla brandina di una cella al momento vuota: la cella 211. Ma non hanno il tempo di aspettare che Juan si riprenda: il carismatico Malamadre, leader indiscusso dei detenuti più pericolosi, è riuscito ad assumere il controllo del braccio e a scatenare una sommossa. Alle guardie non resta che togliersi da lì al più presto e mettersi in salvo, abbandonando l’ignaro Juan al proprio destino in mezzo ai rivoltosi …
Un originale e raffinato thriller carcerario che si avvale di un tema di grande impatto, una trama piena di colpi di scena e un protagonista camaleontico confrontato a un tragico destino.
 
«Pérez Gandul domina l’arte di raccontare una storia e catturare il lettore sin dalla prima pagina» (El Cultural El Mundo).
 
«Cella 211 è un romanzo straordinario, sia per l’argomento trattato sia per la qualità insuperabile della caratterizzazione psicologica dei personaggi» (La Nueva España)
 
«Il miglior romanzo carcerario che sia mai stato scritto in Spagna» (Fernando Marìas)
 
Da questo romanzo il film rivelazione di Daniel Monzón - grande successo di critica al Festival di Venezia 2009 e assoluto trionfatore in patria ai Premi Goya 2010 – nelle sale italiane a partire dal 16 aprile 2010, distribuito da Bolero Film
 
«Quando mi capitò tra le mani il romanzo Celda 211, lo lessi tutto d’un fiato e capii immediatamente che avrei voluto portare la storia sul grande schermo. Già l’inizio del racconto era impressionante: introduceva un universo potente, realistico e di grande umanità, e per tutto l’arco narrativo la vicenda si sviluppava mantenendo una tensione a dir poco soffocante, con alcuni colpi di scena memorabili» Daniel Monzón
 
 
Cella 211 – cinque edizioni in Spagna - è il primo romanzo di Francisco Pérez Gandul, con cui è arrivato in finale al Premio Fernando Lara nel 2004. Nella settimana del cinema Noir di Gijon nel 2005 è stato premiato come Miglior romanzo Noir. Gandul sta attualmente lavorando al suo secondo romanzo ed è anche autore di sceneggiature.

 

 


 

Autore

, nato a Siviglia nel 1956, è giornalista. Cella 211 è il suo primo romanzo, arrivato in finale al Premio Fernando Lara nel 2004 e premiato come Migliore romanzo Noir nella Semana Negra di Gijón del 2005. Nel 2009 Daniel Monzón ne ha tratto un film di grande successo, che ha vinto 8 Premi Goya imponendosi come il film spagnolo dell'anno. Pérez Gandul sta attualmente lavorando al suo secondo romanzo ed è anche autore di sceneggiature.