fbpx

Il corpo e lo sguardo

Il corpo e lo sguardo

L'attore nel cinema della modernità

pp. 192, 1° ed.
978-88-297-0546-7
Recitare, nel cinema della modernità, non significa più soltanto imitare gesti e movenze di un personaggio immaginario, ma anche esibire davanti alla cinepresa l’opacità di un corpo che spesso vive la propria vita, e non quella del personaggio. I cineasti analizzati in questo libro – da Rossellini a Cassavetes, da Antonioni a Godard, da Wenders ad Akerman – non rinunciano a raccontare delle storie, ma fanno in modo che queste storie risultino la secrezione dei personaggi, e non il contrario. Gli attori, a loro volta, – è il caso di Delphine Seyrig, Jean-Pierre Léaud, Marcello Mastroianni e molti altri – si offrono allo sguardo della cinepresa come materiali da modellare, portando alla finzione la loro verità e interrogandosi sulla natura ambigua del loro dispositivo.

Autore

 insegna Storia e critica del cinema e Analisi del testo filmico presso l’Università di Verona. Si occupa prevalentemente di cinema moderno e contemporaneo, con particolare attenzione alle questioni della recitazione e del divismo. Tra le sue monografie: Roman Polanski (2003), Marco Ferreri (2004), Ingmar Bergman. Il posto delle fragole (2008), Ornella Muti (2009), L’immagine e il nulla: l’ultimo Godard (2014) e Greed (2017).