Angelo Poliziano

Angelo PolizianoAngelo Ambrogini (1454-1494) detto Poliziano da Montepulciano sua patria, è uno dei massimi
filologi e poeti del Rinascimento. Legatissimo ai Medici, fu precettore dei figli di Lorenzo il Magnifico (dal 1473) e professore di eloquenza greca e latina nello Studio fiorentino (dal 1480
alla morte); visse prevalentemente a Firenze, con fecondi contatti con i maggiori esponenti della cultura umanistica (Marsilio Ficino, Giovanni Pico, Ermolao Barbaro), e in dialogo con i centri più vivaci di tale cultura, specie del Veneto e delle corti padane. Raffinato poeta in latino e in greco, traduttore di classici, autore di rinnovatori studi filologici (Miscellanea i e ii), scrisse in volgare un poema in ottava rima (Stanze per la giostra di Giuliano de’ Medici), una favola mitologica teatrale (Orfeo), rime (ballate e rispetti), una raccolta di Detti piacevoli.

I libri dell’autore