Valdo Spini

Valdo Spini(Firenze, 20 gennaio 1946), figlio dello storico e militante del Partito d'Azione Giorgio, si è impegnato in politica fin da giovanissimo. Nel 1962 aderisce al Psi, per il quale viene eletto deputato a trentatré anni nel 1979 (verrà ininterrottamente rieletto fino al 2008). Nel 1981 diventa vicesegretario nazionale del Psi in rappresentanza della sinistra lombardiana (l'altro vicesegretario è Claudio Martelli) e lo rimarrà fino al 1984. È stato sottosegretario al Ministero dell'Interno (dal 1986, con una breve interruzione, al 1992) e successivamente agli Esteri. Consigliere comunale di Firenze, dove è stato assessore alla Cultura (1989-1990), nel 1993 diventa ministro dell'Ambiente, riconfermato da Carlo Azeglio Ciampi, fino al maggio 1994. Allo scioglimento del Psi fonda, nel 1994, la Federazione laburista e nel 1998 è cofondatore dei Ds, di cui, nel 2000-2001, presiede la Direzione nazionale. È stato presidente della Commissione difesa della Camera (1996-2001) e responsabile Ds in Commissione esteri (2001-2006). Nella primavera 2009 si è candidato a sindaco di Firenze, con una lista civica, raccogliendo, al primo turno, circa l'8,5% dei voti. È presidente della Commissione affari istituzionali del Consiglio comunale. Presidente della Fondazione Circolo Fratelli Rosselli, nel 1981 ha fondato, e tuttora dirige, la rivista di politica e di cultura «QCR/Quaderni del Circolo Rosselli». È presidente dell'Associazione delle Istituzioni di cultura italiane (AICI) e del Comitato scientifico della Biblioteca nazionale centrale di Firenze. Laureato in Economia politica, è stato professore associato presso l'Università di Firenze e poi professore a contratto. Già presidente, nel 1989-1992, del Comitato per il V centenario della morte di Lorenzo il Magnifico, attualmente presiede il Comitato fiorentino per le celebrazioni del V centenario della stesura de Il Principe di Niccolò Machiavelli. È membro della Chiesa Evangelica Valdese

I libri dell’autore