L'immagine contemporanea

L'immagine contemporanea

Cinema e mondo presente

pp. 112, 1° ed.
978-88-317-9927-0

Eyes Wide Shut, Millennium Mambo, Lost in Translation, Elephant, In the Mood for Love, A History of Violence, Kill Bill, Il caimano, sono i film di cui si parla in questo piccolo volume. Partire dalle opere per pensare la contemporaneità, costruirne una mappa concettuale e stilistica, non significa tornare indietro alla questione del testo e dell'autore. Tutt'altro, significa partire dall'espressione, dai segni, perché è solo lì, nel gioco fra prossimità e distanza istituito dal segno, che vediamo e sentiamo l'emergere del contemporaneo. Una cartografia del cinema contemporaneo non può che essere anche una cartografia del mondo contemporaneo, dei sentimenti e delle immagini che lo compongono.

Autore

(Roma 1965) è professore ordinario di Filmologia presso l'Università della Calabria. Si è occupato di cinema e filosofia (Il cinema secondo Gilles Deleuze, Roma 1996; Il visibile cinematografico, Roma 2002; Teorie del cinema in Italia, Soveria Mannelli 2005) e di analisi delle forme del cinema italiano (Il corpo e la maschera. Il grottesco nel cinema italiano, Roma 1999; La sincope dell'identità. Il cinema di Nanni Moretti, Torino 2002). I suoi precedenti studi sulla contemporaneità cinematografica hanno riguardato le figure del tempo (Passaggi, Roma 1996) e l'evento d'amore (Tra-Due, Cosenza 2008). Dirige il quadrimestrale di cinema «Fata Morgana».