fbpx

I soldi dei partiti

Tutta la verità sul finanziamento alla politica in Italia

pp. 240, 1° ed.
978-88-317-1113-5
Il finanziamento pubblico ai partiti in Italia, chiamato "rimborso delle spese elettorali" per aggirare il referendum abrogativo del 1993 e la tagliola della Corte Costituzionale, è il più elevato del mondo: 200 milioni di euro all'anno, con il minore controllo in assoluto. I soldi dei rimborsi - che per legge devono andare ai partiti - possono così essere riscossi da associazioni costituite da poche persone in nome del partito o dirottati altrove senza che nessuno abbia qualcosa da eccepire. Elio Veltri e Francesco Paola ripercorrono la storia dei finanziamenti dalla loro introduzione, nel 1974, alla progressiva degenerazione, fino ai giorni nostri. Per arrivare a delle proposte concrete: regole chiare e non modificabili a seconda delle convenienze, per dare risposte alla rabbia dei cittadini che ormai riconoscono nei partiti oligarchie e clan familiari, in cui omertà, familismo amorale e fedeltà hanno sostituito militanza, rigore morale, impegno per il bene comune.

Autori

(1938) politico e giornalista, da sempre attivo sul fronte delle norme anticorruzione, antimafia e sulla trasparenza. Nel 1997 fonda l’associazione Democrazia e Legalità. Nel 1998 è cofondatore dell’Italia dei Valori, da cui si è in seguito allontanato. Da ultimo è stato candidato a Milano a sostegno di Giuliano Pisapia, contro la criminalità organizzata e le infiltrazioni mafiose. Autore di numerosi volumi, con Marco Travaglio, nel 2001 ha scritto L’odore dei soldi. Origine e misteri delle fortune di Silvio Berlusconi, capostipite di un genere saggistico, tradotto in Francia Spagna e venduto in più di 300.000 copie.
(1963) avvocato, si occupa di diritto penale dell’economia, di proprietà intellettuale e di diritto comunitario. Ha patrocinato le difese delle parti civili in delicati processi, tra cui quello sui dossieraggi illeciti di Pompa e Pollari, e le iniziative dinanzi alla Commissione europea sugli aiuti a Mediaset e sulla legge “salva Rete 4”. Con Elio Veltri è autore del Governo dei conflitti (Longanesi 2008, 2a ed.).